• Stampa
  • a a a

Lotta alla Processionaria del pino

Precauzioni e interventi

CHE COS'È?

Questo insetto è agevolmente rilevabile per la vistosità dei grossi nidi biancastri di svernamento, costruiti sulla parte più soleggiata delle chiome delle piante ospiti. Le larve mature (bruchi) hanno capo nero e corpo grigiastro, su cui spicca il rosso fulvo dei ciuffi di peli urticanti; lateralmente sono presenti lunghi peli biancastri e il colore tende al giallastro.

 

QUANDO COLPISCE

I grossi nidi biancastri sono visibili in inverno, sulla parte più soleggiata della chioma delle conifere. Le larve mature hanno capo nero e corpo grigiastro, con ciuffi di peli urticanti rosso fulvo. Si spostano nei mesi di febbraio-marzo.

 

QUALI PERICOLI

In caso di contatto di persone o animali domestici con i peli urticanti possono manifestarsi reazioni cutanee con prurito e, in individui predisposti, reazioni allergiche anche importanti. Generalmente è sufficiente lavare la pelle con acqua e sapone. Le rare situazioni di reazione allergica generalizzata, congiuntivite o ingestione di peli o larve richiedono invece l’assistenza medica.

 

QUALI PRECAUZIONI

  • Non avvicinarsi
  • Non sostare sotto le piante infestate
  • Tenere i cani al guinzaglio
  • Non distruggere i nidi con mezzi improvvisati (rischio di diffusione dei peli urticanti)
  • Non toccare e non raccogliere i bruchi senza protezione e con mezzi adeguati
  • Lavare abbondantemente frutta e verdura in prossimità di pinete infestate

 

COME INTERVENIRE

Evitare ogni contatto con i bruchi, rimuovere proteggendosi con guanti e abiti coprenti i nidi con le larve.

Nei giardini eliminare i nidi tagliando i rametti e immergendoli in acqua molto calda con sapone di Marsiglia. Meglio affidarsi a personale qualificato.

Per informazioni e segnalazioni contattare la Divisione Spazi Urbani,
telefono +41 58 866 73 11 o email dsu@lugano.ch

Ultima modifica 10 marzo 2017

Google Maps