• Stampa
  • a a a

Iter delle procedure edilizie

Con la Licenza di costruzione l'Autorità accerta
che nessun impedimento di diritto pubblico
si oppone all’esecuzione dei lavori previsti

LA DOMANDA DI COSTRUZIONE

Ai sensi dell’art. 1 della Legge edilizia (LE), la domanda di costruzione è in particolare necessaria per:

  • nuove costruzioni
  • ricostruzioni
  • trasformazioni (ivi compreso il cambiamento di destinazione)
  • demolizione di edifici ed altre opere
  • modifiche importanti della configurazione del suolo
  • interventi che comportano una modifica energetica degli edifici
  • installazioni tecniche (riscaldamenti, ventilazione/clima, pannelli solari, antenne, ecc.)

La licenza edilizia non è necessaria per:

  • i progetti di costruzione disciplinati in dettaglio da altre leggi
  • i lavori di manutenzione, le piccole costruzioni e le costruzioni provvisorie (interventi che devono comunque essere notificati in quanto soggetti al rilascio di un’autorizzazione comunale)
  • i lavori che in virtù del diritto federale sono sottratti alla sovranità cantonale

NB: entrambi gli elenchi non sono esaustivi

PROCEDURE EDILIZIE

  1. procedura ordinaria (art. 4 e 5 RLE)
  2. procedura della notifica (art. 11 LE e 6 RLE)
    Applicabile ai lavori di secondaria importanza. Il Municipio può prescindere dalla pubblicazione e dall’avviso ai vicini se è escluso il coinvolgimento di interessi pubblici e privati particolari.
  3. autorizzazione

ALLESTIMENTO DEI PROGETTI

I progetti di costruzione devono essere allestiti conformemente alle disposizioni della Legge edilizia e in particolare degli art. 8. 9, 10, 11, 12, 12a, 13, 14, 15 e 16 RLE (riservate eventuali richieste supplementari da parte dell’Autorità cantonale).

FIRMA DEI PROGETTI

La domanda di costruzione, corredata della documentazione necessaria, deve essere presentata da colui che funge da istante (che diverrà titolare della Licenza) e dev’essere firmata dal proprietario del fondo e dal progettista.

I progetti e i documenti annessi devono essere elaborati e firmati da un architetto o da un ingegnere, e a dipendenza della natura dell’opera, entrambi iscritti all’Albo dell'Ordine ticinese ingegneri e architetti (OTIA) (art. 4 LE e 7 RLE).

Ultima modifica 24 maggio 2016

Google Maps