• Stampa
  • a a a

Raggio verde e Foce del Cassarate

Con la riqualifica della Foce, il tratto finale
del Cassarate è diventato accessibile e fruibile

Inizialmente identificato come una linea di confine tra i Comuni, il Cassarate è ora un’oasi di prossimità, un elemento naturale prezioso che ricopre una funzione aggregativa e di svago. Offre alla popolazione e ai visitatori un percorso naturale, con aree dedicate al relax e allo svago, e, in futuro, anche una pista pedonale e ciclabile lunga 5 km, il cosiddetto Raggio verde.

Il progetto di riqualifica del fiume Cassarate riguarda tutto il fiume e non solo la Foce, diventata di nuovo accessibile e fruibile, con i lavori attuati lungo l'ultimo tratto del fiume, prima che questo si riversi nel Lago Ceresio. Il progetto complessivo nasce dall’esigenza di garantire la sicurezza idraulica e rivitalizzare il fiume e le sue sponde, consentendo a tutti i cittadini di godere di nuovi spazi pubblici. Si è quindi operato per valorizzare ulteriormente un’area di pregio - originariamente ridotta per lunghi tratti a semplice canale di trasporto delle acque - potenziandone le funzioni specifiche per lo svago, lo sport e il tempo libero. Gli interventi hanno riguardato, fino ad oggi, il percorso pedonale che parte dal Piano della Stampa e la zona della Foce. 

PIANO DELLA STAMPA

Il percorso parte dal Piano della Stampa dove è stata riqualificata la via pedonale già esistente, con aree di sosta e di relax e piccoli ponti che estendono il tragitto esistente. Dal Piano della Stampa parte infatti una via che giunge fino alla Foce, attraversando l’area urbana. Lungo il percorso del fiume sono state create e messe a disposizione dei cittadini zone per aggregarsi e vivere pienamente il fiume e i suoi spazi in sicurezza, godendo del clima disteso che si crea in questo spazio naturale.

FOCE - Riva destra del Cassarate, lato Parco Ciani

Sulla riva destra è stato eseguito un intervento di ingegneria naturalistica, basato sul ripristino degli argini naturali, con l’inserimento di una passerella in legno (fruibile da parte di qualsiasi utente, a piedi, in carrozzina o in carrozzella) che ha sostituito quella originale in catrame e che permette a tutti gli utenti di godere di un percorso che parte dalla riva del fiume e prosegue lungo il lago. Aumenta così la superficie godibile del Parco Ciani e il fiume non è più "estromesso" dal giardino pubblico e ne diventa un elemento di valore.
La riva destra è diventata una sponda naturale che gradatamente scende verso il fiume, garantendo la sicurezza nei momenti di piena e offrendo la possibilità di vivere l'ambiente naturale del fiume nelle giornate migliori.

FOCE - Riva sinistra del Cassarate, lato Lido

Il lato Lido, ora collegato al Parco Ciani da un nuovo ponte, è stato trasformato in una zona a traffico limitato, garantendo però l’accesso alle strutture esistenti (lido, porto, cantiere navale, circolo velico, ristoranti e pontili). L’argine del fiume è stato mantenuto e trasformato in una gradinata che dai maestosi platani scende fino all’acqua, offrendo i suoi spazi a chi vuole accomodarsi per una lettura o per un momento di relax.

Il fiume e i suoi spazi sono quindi stati restituiti ai cittadini e ai visitatori che possono così riappropriarsi di queste spazio verde della Città.

Ultima modifica 07 maggio 2015

Google Maps