• Stampa
  • a a a

Insieme a voi, contro i furti con scasso!

Campagna regionale di prevenzione dei furti con scasso nelle abitazioni

In Svizzera, tra il 2015 e il 2016, i furti con scasso (e i furti con introduzione clandestina) denunciati alla polizia sono diminuiti dell'11%. Nel 2016, sono stati registrati 5,6 furti con scasso ogni 1000 abitanti. In Ticino, la frequenza di questo reato, nel 2016, è stata di 4,4 furti ogni 1000 abitanti, poco al disotto della frequenza in Svizzera (5,6).

Nonostante la diminuzione generale dei casi di scasso denunciati alla polizia nel 2016, in più della metà dei comuni del luganese la frequenza dei reati ha superato quella cantonale e, in particolare, in alcuni comuni del Malcantone sono state registrate le frequenze più elevate del Ticino.
Il furto con scasso rimane, inoltre, uno dei reati più frequenti e per molte persone colpite resta anche il grave problema di come superare psicologicamente la violazione della propria sfera privata e intima.

Quando si registra il maggior numero di furti con scasso?

I ladri colpiscono nelle case prevalentemente di giorno (pomeriggio), quando le persone lavorano o sono assenti per altri motivi. I negozi, gli uffici e i capannoni sono invece oggetto di scasso soprattutto di notte, quando non c’è nessuno.
Nel luganese, dal 2014 al 2016, le abitazioni sono state maggiormente colpite:

  • da aprile a giugno, soprattutto tra le ore 12:00 e le ore 17:00;
  • a settembre, soprattutto tra le 13:00 e le 18:00 e
  • da dicembre a febbraio, soprattutto tra le 15:00 e le 20:00.

Quali fattori influenzano maggiormente i rischi di subire un furto con scasso?

I fattori di maggiore rischio sono: il vivere in una villa o in una casa unifamiliare; il reddito elevato; l’essere spesso assenti; un’abitazione con punti d’accesso facilmente varcabili; l’assenza del controllo sociale nel luogo (vicinato).
Si constata, inoltre, che tendenzialmente i comuni con le frequenze di reato più alte sono quelli con una densità di popolazione più bassa.

Qual è la risposta delle polizie comunali del luganese contro il fenomeno dei furti con scasso?

Per prevenire in maniera efficace e condivisa il fenomeno dei furti con scasso, i corpi di polizia della Regione 3 del luganese, con la coordinazione della Polizia polo della Città di Lugano e grazie alla collaborazione qualificata della Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) e della Polizia cantonale, lanciano la campagna di prevenzione “Insieme a voi, contro i furti con scasso!”.
La campagna di prevenzione mira a ridurre la frequenza di tale tipo di reato nel luganese grazie all’aumento dell’autoprotezione delle potenziali vittime. Per riuscirci, risulta importate limitare le possibilità d’azione dei ladri, soprattutto con l’adozione, da parte delle potenziali vittime, dei 7 consigli ufficiali della PSC contro i furti con scasso (vedere il volantino annesso).

La campagna rientra nell’ottica delle operazioni di polizia di prossimità e toccherà tutte le economie domestiche dei comuni della regione di polizia comunale del luganese:

  • ogni economia domestica riceverà, giovedì 8 giugno prossimo, una busta, la quale conterrà una lettera, firmata dagli otto Comandi delle polizie comunali della Regione 3 del luganese, ed un volantino con i 7 consigli ufficiali della PSC contro i furti con scasso;
     
  • tutti i cittadini saranno informati della situazione e saranno invitati a mettere in atto i 7 consigli; i cittadini potranno anche rivolgersi alla propria polizia locale per completare l’informazione e saranno invitati a richiedere una consulenza a una ditta specializzata nell’installazione di impianti di sicurezza e di allarme per meglio proteggere i propri luoghi e la propria casa.

Ma perché richiedere la partecipazione dei cittadini? La polizia non può risolvere il problema da sola?

La polizia agisce già contro il fenomeno, tuttavia, essa ha dei chiari limiti. La Polizia può:

  • Disincentivare l’operato criminale, con azioni rivolte contro i potenziali autori (pattugliamento, posti di controllo). La polizia può dunque pattugliare le zone più a rischio e controllare le persone e i veicoli sospetti, ma l’effetto di queste azioni sulla frequenza dei reati è invero molto limitato. Infatti, con più di 100'000 edifici sparsi in tutto il Ticino, la polizia non sarebbe mai in grado di offrire, da sola, una copertura completa. Per sorvegliarli tutti con un agente di polizia sulle 24 ore, servirebbero 500'000 mila agenti. Anche raddoppiando le attuali unità di polizia del cantone, sarebbe come raddoppiare una goccia d’acqua in un secchio.
     
  • Chiarire e risolvere i casi di scasso denunciati (arresto e inchiesta). La percentuale dei casi di furti con scasso risolvibili è però molto bassa. Ad esempio, in Ticino, su 1557 furti con scasso commessi nel 2016, si contano solo 161 chiarimenti (il 10,3%). Purtroppo, la maggior parte degli stessi avviene senza che si possa associarli ad uno o più determinati colpevoli.
     
  • Prevenire l’insorgere di atti criminali con azioni finalizzate alla protezione delle potenziali vittime (campagne informative, sopralluoghi e consulenze). La Polizia qui, può stimolare la popolazione a prendere le misure di protezione più adeguate. La miglior prevenzione è data dall’autoprotezione: è il senso di questa nostra campagna di prevenzione.

I cittadini possono effettivamente contribuire alla soluzione del fenomeno?

Sì, e la collaborazione attiva dei cittadine contribuisce anche in modo preponderante all’efficacia dell’azione di polizia!

I fatti mostrano che la polizia arresta gli autori di reato spesso grazie alla collaborazione dei cittadini. L’invito è pertanto quello di chiamare sempre e subito la polizia, per segnalare un furto in corso o per segnalare delle persone sospette.

La prevenzione più efficace contro i furti con scasso è quella operata dal cittadino che protegge al meglio la propria casa durante la propria assenza. Per questo, l’attuazione dei 7 consigli ufficiali della PSC contro i furti con scasso è di fondamentale importanza.

Quali altre azioni saranno attuate dalla polizia?

Secondo l’evoluzione della situazione, saranno organizzati dei momenti informativi con la popolazione dei comuni che ne facessero richiesta.
La collaborazione con la polizia cantonale, date le competenze della stessa in questo campo, sarà intensificata.

La campagna in cifre

  • 47 comuni
  • 63'283 bucalettere
  • 64'000 stampati
  • 0.35 cts, il costo unitario di ogni busta prodotta ed inviata
  • 8 corpi di polizia comunale regionale ingaggiati
  • 7 consigli per prevenire i furti con scasso
Ultima modifica 06 giugno 2017

Google Maps