• Stampa
  • a a a

Viale Castagnola

www.lugano.ch/viale-castagnola

Intervento di rinnovo delle infrastrutture e dell’alberatura

CALENDARIO

  • Gennaio-Aprile 2017 - Procedure d'appalto delle opere
  • Aprile-inverno 2017 - Cantiere per rifacimento infrastrutture e viale alberato

In previsione della realizzazione del futuro polo turistico e congressuale della Città di Lugano nell’ area Campo Marzio i lavori preparatori per la fase di cantiere, prevista nel 2020, sono già iniziati.

La Città ha pianificato una serie di interventi che, oltre alla sostituzione delle alberature di viale Castagnola, prevedono la sistemazione delle canalizzazioni comunali e delle infrastrutture di altre aziende di servizio, oltre al rinnovo completo della pavimentazione nel tratto tra via Capelli e viale dei Faggi.

Il taglio degli ippocastani

Il tema della sostituzione dell'alberatura di viale Castagnola è tornato di attualità dopo l’improvviso crollo di un ippocastano avvenuto lo scorso ottobre, un fatto che ha confermato la necessità di intervenire con urgenza per evitare ulteriori incidenti e tutelare l’incolumità dei cittadini. Perizie recenti sullo stato di salute degli ippocastani hanno confermato l’analisi curata dalla dr.ssa Katrin Joos Reimer nel 2014: condizioni precarie dell’apparato radicale, ferite e danneggiamenti alla base dei tronchi che datano della fine degli anni Ottanta hanno minato la stabilità degli alberi. Tutti gli ippocastani, che avevano 140 anni, erano in avanzata fase di invecchiamento o in deperimento.

Dopo diversi approfondimenti non sono emerse alternative praticabili all’intervento di sostituzione completa dell’alberatura per diversi motivi:

  • dal profilo della sicurezza, a causa dell'elevato rischio di caduta, la Città deve mettere in atto le misure necessarie alla tutela della salute pubblica
     
  • dal profilo botanico, tagliare solo alcune piante accrescerebbe il rischio di crollo degli altri esemplari, che non avrebbero sufficiente resistenza radicale per sopportare le intemperie. Inoltre, la crescita di nuovi alberi è migliore quando avviene libera dalla vicinanza di esemplari imponenti
     
  • dal profilo pratico, occorre risanare la strada e le infrastrutture prima di piantare i nuovi alberi, per evitare di compromettere le radici degli esemplari già piantati

Il nuovo progetto

Il progetto, allestito dalla Città con la collaborazione di un consulente esterno, prevede il ripristino di due filari di alberi, uno sul marciapiede sud e uno nell’isola centrale di separazione tra le carreggiate. I due filari saranno paralleli e gli alberi che li compongono sfalsati, in modo da creare maggior spazio possibile fra un albero e l’altro, così da permettere anche una migliore copertura delle fronde.

Gli ippocastani saranno sostituiti con bagolari (Celtis Australis), una specie particolarmente adatta all’ambito urbano, resistente all’inquinamento e agli agenti atmosferici, che si adatta a qualsiasi tipo di terreno e ben sopporta la presenza di coperture di asfalto. Inoltre, per garantire la massima sicurezza di tenuta e stabilità delle piante, sotto il manto stradale sarà posato un sistema di protezione delle radici (Tree Parker) che, oltre a permettere il corretto sviluppo delle alberature e garantirne la longevità, sostiene forti carichi di peso evitando cedimenti della pavimentazione. Il marciapiede sud sarà realizzato con cemento filtrante e autostabilizzante, una soluzione già adottata per via Foce che permette di dare al comparto un’immagine unitaria.

Il progetto prevede anche un arredo urbano curato: panchine, moderni lampioni per un’illuminazione ottimale e una nuova fermata del bus realizzata interamente in vetro, tra l’area sportiva e lo spazio di circolazione (vedi scheda tecnica allegata).

Fasi del progetto

L’abbattimento degli ippocastani è avvenuto nel periodo delle vacanze natalizie 2016 per contenere al minimo i disagi alla circolazione causati dalla chiusura al traffico.

Il rifacimento del manto stradale e dei marciapiedi avrà invece luogo nel periodo estivo, mentre la messa a dimora della nuova alberatura è pianificata per l’autunno 2017, in concomitanza degli interventi su viale Castagnola. La Commissione cantonale dei Beni Culturali - interpellata dalla Città poiché viale Castagnola è un bene protetto a livello locale - ha preavvisato favorevolmente il progetto di risanamento e riqualifica del viale.

In una seconda fase saranno sostituiti i tigli lungo il viale d’accesso al Lido, poiché anch’essi presentano difetti strutturali. Al loro posto troveranno spazio dei gelsi, che hanno tempi di crescita più rapidi e sono meno soggetti a infestazioni da afidi. Inoltre erano storicamente presenti nell'area del Campo Marzio già nel 1865 con 2 filari.

Ultima modifica 22 gennaio 2018

Google Maps