• Stampa
  • a a a

Preventivo 2019

Confermato il pareggio di gestione corrente e un buon livello di investimenti

Il Municipio ha approvato il 25 ottobre 2018 il preventivo 2019 e licenziato il relativo messaggio. I conti previsionali 2019 presentano un avanzo d’esercizio di 144'165 franchi migliore di 2.08 milioni rispetto al preventivo 2018. Il risultato conferma il raggiungimento del primo obiettivo di risanamento: quello di riequilibrio della gestione corrente. La sfida, per i prossimi esercizi, è quella di procedere a una graduale ma significativa diminuzione dell’indebitamento, pur garantendo la qualità e la capillarità dei servizi erogati dall’amministrazione.

 

Il risultato di equilibrio raggiunto con il preventivo 2019 conferma i buoni risultati registrati con i consuntivi 2016 e 2017, così come la previsione di chiusura 2018, pur nella consapevolezza che questi risultati sono caratterizzati, soprattutto, da fattori straordinari che non possono essere considerati strutturali.

Il dato del preventivo 2019, pertanto, permette all’Esecutivo di guardare al futuro focalizzando gli sforzi sugli altri, altrettanto importanti, obiettivi economico-finanziari: l’incremento del grado di autofinanziamento degli investimenti e la riduzione dell’indebitamento, da raggiungere garantendo servizi di qualità e la messa in cantiere dei necessari investimenti.

Proprio la sostenibilità di un buon livello di investimenti e la necessità di ridurre nel tempo il debito verso terzi porta l’Esecutivo a sottolineare l’importanza di conseguire con una certa regolarità un avanzo di gestione corrente. Una gestione corrente che chiude regolarmente con un avanzo di esercizio garantisce ai cittadini la capacità della Città di effettuare gli investimenti necessari al loro benessere e continuare a erogare servizi di qualità.

In sintesi, i dati salienti del preventivo 2019 sono: avanzo d’esercizio di 0.14 milioni, investimenti netti per 60.02 milioni, autofinanziamento di 33.8 milioni (53.03% degli investimenti netti) e il moltiplicatore mantenuto al 78%.

I fattori che hanno influenzato i conti preventivi 2019, sul fronte dei ricavi, sono i seguenti: gettito fiscale 255.50 milioni (+9 milioni rispetto al preventivo 2018), sopravvenienze fiscali 22.2 milioni (+8.2), tassa rifiuti 8.7 milioni (+3.7, prevista tassa base e tassa sul sacco).

Per quanto riguarda i costi segnaliamo: spese per il personale +2.81 milioni rispetto al preventivo 2018 (introduzione del nuovo ROD, potenziamenti di unità e scatti annuali), spese per beni e servizi +2.13 milioni, per le manutenzioni (ulteriore incremento degli interventi di manutenzione, sulle strade in modo particolare), contributi propri +9.08 milioni (contributo di livellamento +3.8 milioni; comunità tariffale +0.51, case anziani +0.7, aiuto domiciliare +1.1 milioni, riversamenti al cantone e ad altri enti) e ammortamenti +1.6 milioni (su beni amministrativi).

La concretizzazione delle linee di sviluppo 2018-2028 impostate dal Municipio ha trovato avvio nel 2018, con la declinazione, da parte di tutti i servizi cittadini, degli indirizzi tracciati dall’Esecutivo, attraverso strategie, attività e azioni che in parte già hanno prodotto i primi risultati nel 2018 e che continueranno a essere implementati nei prossimi anni.

L’attività per investimenti è coerente con quanto previsto dalla pianificazione finanziaria e, per il 2019, si prevedono spese 77.47 milioni e ricavi per 13.74 milioni per beni amministrativi (netti 63.73 milioni); per i beni patrimoniali, grazie ad alienazioni, è previsto un ricavo netto di 3.71 milioni di franchi.

Il lavoro dell’Esecutivo proseguirà nella direzione che si è ormai consolidata, con l’attenzione a eventuali conseguenze - positive o negative - derivanti da eventi esterni, e puntando al raggiungimento degli obiettivi citati.

In considerazione della buona aderenza del Preventivo 2019 con il Piano Finanziario, ritenuto come il termine di due anni dalla presentazione del documento non sia ancora trascorso e considerato – soprattutto – che sono da prevedere importanti aggiustamenti nel 2020 (riforma fiscale in primis), si è deciso di non dover procedere, al momento attuale, con l’aggiornamento del Piano Finanziario.

(Comunicato stampa del 30.10.2018)

Ultima modifica 30 ottobre 2018

Google Maps