• Stampa
  • a a a

Swiss Press Photo

4 luglio – 2 settembre 2018 - Hall del LAC Lugano Arte e Cultura

ORARI

  • ma-do 10:00 – 18:00
  • gio 10:00-20:00
  • Lunedì chiuso

 

INGRESSO

  • Gratuito

 

LA MOSTRA

Anche quest’anno il LAC accoglie durante l’estate l’esposizione “Swiss Press Photo 2018” dedicata alla fotografia del giornalismo svizzero. Da ventisette anni, la rassegna presenta i migliori scatti apparsi sui principali quotidiani svizzeri e internazionali, selezionati da una giuria di professionisti negli ambiti “Attualità”, “Vita quotidiana”, “Reportage svizzeri”, “Ritratti”, “Sport” e “Internazionale”. Sono una novantina le fotografie che compongono il percorso espositivo sui vari livelli della Hall.

È il ritratto di una donna di Neuchâtel di 67 anni colpita da tumore al seno la fotografia che è valsa al neocastellano Guillaume Perret il titolo di Fotografo Swiss Press dell’anno. Dopo l’operazione e una chemioterapia, la donna ha scelto di far ritrarre il suo corpo dal fotografo per mostrare che è possibile sconfiggere la malattia. “Il ritratto di Guillaume Perret – spiega il presidente della giuria Bernhard Giger – non rientra nella cronaca quotidiana ma è tuttavia di una presenza opprimente”.

Diversi sono i ritratti presenti nella rassegna: da Jürg Jegge, l’“insegnante nazionale”, immortalato da Reto Oeschger al suo domicilio dopo le accuse di abusi sessuali su minori, al liberale-radicale Pierre Maudet ritratto da Niels Ackermann (già vincitore dell’edizione 2016) durante la sua campagna per il Consiglio federale.

Gli scatti spaziano dai temi di attualità a reportage che permettono di scoprire nuove realtà del territorio svizzero. Tra di esse l’attività del viticoltore Markus Ruch, ritratto da Karin Hofer, che punta tutto sui vini a fermentazione naturale, o di Michael Keller attraverso gli scatti di Remo Naegeli, unico dentista ambulante svizzero che visita a domicilio i suoi pazienti.

L’insieme degli scatti esposti “osserva da vicino l’evoluzione del mondo – nelle parole di Giger – e presenta un 2017 dilaniato, con tuttavia immagini che offrono una speranza inaspettata.” Nella selezione rientrano pure due lavori del fotografo ticinese Pablo Nadir Yanik Gianinazzi: il primo dedicato alla bellezza dell’acque della Verzasca, mentre il secondo ritrae il pakistano Iftekar Hussain con il corpo segnato dalle cicatrici e ora senza permesso di residenza nel centro d’accoglienza di Rebbio, appena oltre il confine nel comasco. Quest’ultimo scatto è valso a Gianinazzi il terzo posto nella categoria “Ritratti”.

I vincitori “Swiss Press Photo” 2018

  • Fotografo Swiss Press dell’anno e vincitore della categoria “Ritratti”: Guillaume Perret, (Cormondrèche, 1973), Daniela – la traversée du cancer, Lundi 13, HNE Magazine
  • Reportage svizzeri: Niels Ackermann (Genève, 1987), Opération Valmy, Neue Zürcher Zeitung
  • Vita quotidiana: Karin Hofer (Winterthur, 1969), Reinen Wein einschenken, Neue Zürcher Zeitung
  • Internazionale: Alex Kühni (Bern, 1982), Krieg der Sniper, Tages-Anzeiger
  • Attualità: Reto Oeschger (Zürich, 1960), Die dunkle Seite des Jürg Jegge, SonntagsZeitung
  • Sport: Simon Tanner (Zürich, 1983), Fussball, Neue Zürcher Zeitung Swiss Press Photo e la Fondazione Reinhardt von Graffenried

La Fondazione Reinhardt von Graffenried premia, rispettivamente da trentuno e ventisei anni, i professionisti dei media, che in Svizzera nei settori del giornalismo locale e della fotografia giornalistica, hanno dato un contributo significativo. “Swiss Press Award” si suddivide nelle categorie “Press Photo”, “Press Print”, “Press Online”, “Press Radio” e “Press Video”.

La giuria per la sezione “Press Photo” era composta da:

  • Zalmaï Ahad, Fotografo “Swiss Press” 2017;
  • Lars Boering, direttore generale World Press Photo, Amsterdam;
  • Luc Debraine, giornalista L’Hebdo, Losanna;
  • Bernhard Giger, giornalista e presidente della giuria;
  • Antonio Mariotti, critico fotografico e cinematografico Corriere del Ticino, Lugano;
  • Ute Noll, responsabile DU-Magazin;
  • Koni Nordmann, fotografo.
Ultima modifica 05 luglio 2018

Google Maps