• Stampa
  • a a a

Lugano lancia il concorso per trovare un nome agli stabili condivisi

La Città di Lugano ha identificato alcuni edifici pubblici da destinare alla popolazione e alle associazioni per la promozione di attività culturali, sociali, educative, di svago, di coesione e per soddisfare l’esigenza di poter usufruire di spazi condivisi e di aggregazione.

Manca però ancora una cosa: il nome di questi edifici. Il Municipio ha quindi deciso di lanciare un concorso a premi, aperto a tutti, per trovare un nome originale e accattivante che identifichi questi spazi vivi e condivisi.

Partecipare al concorso è molto semplice. È infatti sufficiente inviare la propria proposta di nome e le proprie informazioni compilando il formulario seguente:

Crea la tua indagine per il feedback degli utenti

Una volta raccolte tutte le proposte, una giuria apposita si occuperà di valutare le alternative, scegliendo quella ritenuta migliore in termini di originalità e adeguatezza. Il nome, infatti, dovrà essere bello ma anche fresco e facilmente memorizzabile.

Il nome deve tratteggiare le caratteristiche principali degli stabili, indicare progettualità e un obiettivo per il futuro ed essere simbolico. Originalità e adeguatezza/utilizzabilità della proposta saranno i criteri in base ai quali sarà decretato il vincitore.

In palio ci sono un IPhone X del valore di CHF 1’195.65 o una LAC Card del valore di CHF 1'200.-.

Il concorso è aperto da venerdì 4 maggio 2018 fino a venerdì 8 giugno 2018.

 

COSA CERCHIAMO?

Gli stabili per i quali si sta cercando un nome saranno luoghi in cui si incroceranno attività e persone, luoghi nei quali si possano esprimere pensieri e vissuti collettivi, che sollecitino esperienze di partecipazione e coinvolgimento. Luoghi che si abitano, si vivono e si usano.

Saranno spazi a uso pubblico per la cittadinanza, che coinvolgano la popolazione e mettano in comunicazione tutti i cittadini.

Il nome dovrebbe quindi tener conto di una o più delle seguenti caratteristiche degli edifici:

  • sono distribuiti su tutto il territorio
  • sono aperti a tutte le persone
  • sono aperti a tutte le attività

affinché

  • si trasformino da luoghi in cui si affitta semplicemente uno spazio a luoghi di incontro e di scambio
  • diventino luoghi fruibili per tutti, indipendentemente dal quartiere di residenza
  • diventino luoghi in cui si crea qualcosa che stimola l’identità della Città

Vi abbiamo dato qualche dettaglio per orientarvi ma non vogliamo condizionarvi. Scatenate la fantasia e fateci dire “Ecco il nome!!”

Cartella stampa

Ultima modifica 04 maggio 2018

Google Maps