• Stampa
  • a a a

Educazione stradale

A scuola a piedi - Per genitori, allievi, utenti

I genitori sono invitati  a non portare i figli a scuola con l'auto, ma ad insegnare loro a percorrere il tragitto a piedi, accompagnandoli finché non imparano bene la strada.

La cattiva abitudine di usare l'automobile per percorrere anche brevi tragitti e per ogni necessità, anche la più futile, si è ampiamente diffusa negli ultimi anni. Si è quindi vieppiù dimenticato il piacere di una sana camminata, mentre si è per contro contribuito all'aumento del traffico e dell'inquinamento, dando un pessimo esempio ai nostri figli.

I bambini nella circolazione stradale

I bambini sono gli utenti della circolazione maggiormente esposti a rischi.

Suggerimenti per i genitori:

  • Insegna a tuo figlio a comportarsi in modo sicuro nella circolazione stradale fin dai 2 anni
  • Vesti il bambino con abiti dai colori chiari e vivaci
  • Equipaggia il tuo bambino con protezioni adeguate quando utilizza la bicicletta o mezzi simili a veicoli (casco, para polsi, para gomiti, ginocchiere)
  • Osserva le prescrizioni inerenti al trasporto di bambini in automobile

Fonte e approfondimenti: © 2017 upi – Ufficio prevenzione infortuni

Percorsi casa-scuola

Il tragitto da percorrere per andare a scuola contribuisce allo sviluppo intellettuale e sociale dei bambini e favorisce l’attività motoria. Tuttavia può anche risultare pericoloso.

Suggerimenti per i genitori

  • Il buon esempio dei genitori e degli altri adulti riveste una funzione fondamentale, poiché i bambini imparano parecchio per imitazione. I genitori dovrebbero esercitare molto bene con i loro bambini tra i 3 e i 6 anni i comportamenti sicuri in differenti situazioni di traffico
  • Fin tanto che il bambino non è in grado di percorrere da solo in sicurezza il tragitto fino alla scuola dell’infanzia o alla scuola elementare, i genitori hanno la responsabilità che il bimbo giunga a scuola indenne
  • I bambini dovrebbero recarsi a scuola in bicicletta soltanto quando hanno assolto l’apposita istruzione (dai 10 anni ca.). Si consiglia di iniziare prima soltanto se il percorso è poco trafficato

Fonte e approfondimenti: © 2017 upi – Ufficio prevenzione infortuni

Pedibus

Ogni anno in Svizzera 400 bambini si infortunano sul percorso tra casa e scuola. Il pedibus è un «bus a piedi». Si tratta di un provvedimento inteso ad aumentare la sicurezza dei bambini alle prime armi sul percorso casa-scuola.

Alcuni adulti accompagnano i bambini alla scuola dell’infanzia o alla scuola elementare e li riaccompagnano a casa. I bambini vengono «raccolti» ad orari prestabiliti presso le diverse «fermate» collocate lungo il tragitto del pedibus. Il fatto di recarsi a piedi a scuola favorisce il comportamento sociale e il movimento fisico dei bambini.

Suggerimenti

  • Le persone accompagnatrici devono essere affidabili e conoscere i punti pericolosi per i bambini lungo tutto il tragitto del pedibus. Le persone accompagnatrici possono aderire all’assicurazione infortuni e di responsabilità civile collettiva dell’UPI
  • Per ogni «linea» del pedibus vanno previsti almeno due adulti accompagnatori
  • Si raccomanda di formulare chiare regole di comportamento sia per gli accompagnatori, sia per i bambini, da comunicare ai genitori
  • I bambini che prendono il pedibus dovrebbero spostarsi esclusivamente a piedi e lasciare a casa qualunque mezzo simile a un veicolo (come il monopattino)

Fonte e approfondimenti: © 2017 upi – Ufficio prevenzione infortuni

A scuola a piedi in sicurezza

L’ATA - Associazione traffico e ambiente consiglia ai genitori di lasciare, se possibile, che i figli vadano a scuola a piedi. Il tragitto verso la scuola dell’infanzia o le elementari è una scuola di vita: i bambini imparano a comportarsi in modo sicuro e a socializzare.

I consigli dell’ATA ai genitori per un percorso casa-scuola sicuro:

  • Scegliete il percorso più sicuro e non quello più breve
  • Fate diverse volte il percorso col vostro bambino già prima dell'inizio delle scuole
  • Discutete col bambino le situazioni pericolose che possono presentarsi, in modo che possa riconoscerle
  • Se le condizioni del traffico non permettono che il bambino vada da solo, accompagnatelo a piedi fino alla scuola. Col tempo imparerà a fare il tragitto da solo
  • Vestite il bambino con abiti ben visibili (vestiti chiari e materiali catarifrangenti)
  • Fate in modo che il bambino abbia abbastanza tempo per il percorso casa-scuola e non debba affrettarsi perché in ritardo
  • Se possibile, è meglio se il bambino può andare a scuola insieme ai compagni
  • Insegnate al bambino che non deve fidarsi di adulti sconosciuti e seguirli
  • In caso di difficoltà, è bene se il bambino ha dei punti di riferimento, rispettivamente persone cui rivolgersi (per esempio la cassiera del negozio di paese, una casa dove il bambino può eventualmente chiedere aiuto)
  • Skateboard, pattini a rotelle o inline e attrezzi simili sono più adatti al tempo libero che al percorso casa-scuola
  • Se possibile, lasciate l’auto in garage. I genitori-taxi non fanno che aumentare i pericoli attorno alle scuole

Fonte e approfondimenti: ATA Associazione traffico e ambiente

Ultima modifica 25 gennaio 2018

Google Maps