• Stampa
  • a a a
  • Torna alla lista

“Pedone sicuro”: al via la campagna di prevenzione degli incidenti ai danni dei pedoni

Campagna 2019 di prevenzione degli incidenti ai danni dei pedoni presso i passaggi pedonali 

Secondo l'Ufficio prevenzioni infortuni (UPI), in Svizzera ogni anno si verificano circa 2500 incidenti che coinvolgono dei pedoni, un terzo di questi avviene sulle strisce o passaggi pedonali. A Lugano in media, tra il 2014 e il 2018, sono stati registrati 26,2 incidenti all’anno con il coinvolgimento di pedoni, ossia 131 incidenti per un totale di 133 feriti. Stando ai dati statistici il maggior numero di sinistri si verifica in novembre, proprio per questo la Polizia Città di Lugano lancia una campagna di prevenzione degli incidenti ai danni dei pedoni denominata “Pedone sicuro”.

Incidenti che coinvolgono i pedoni a Lugano

Statisticamente, in media, ogni mese a Lugano poco più di 2 pedoni sono vittime di un incidente della circolazione. Soltanto in un sinistro su 4 la responsabilità è del pedone. La dinamica più frequente, con 86 incidenti, si verifica con l’investimento di chi sta attraversando la carreggiata. Le due cause più frequenti sono, con 51 casi, la mancata precedenza a un attraversamento pedonale da parte del conducente e, con 24 casi, l’attraversamento imprudente della strada da parte del pedone.
Il mese di novembre, con una media di 20 incidenti, è il periodo dell’anno in cui a Lugano si constata il maggior numero di incidenti che coinvolgono pedoni (Fig. 1). L'autunno nasconde molte insidie per gli utenti della strada: carreggiate spesso bagnate e coperte di fogliame e, di conseguenza, spazi di frenata più lunghi; visibilità ridotta a causa della diminuzione delle ore di luce; precipitazioni più frequenti, ecc.. L'orario più a rischio è quello serale, in particolare fra le 17:00 e le 18:00. In particolare i giorni della settimana più sensibili sono dal lunedì al venerdì, mentre durante il week-end la frequenza degli incidenti si riduce significativamente (Fig. 2).

Fig.1

Fig.2

A Lugano emerge poi che il tratto stradale di via Trevano, tra via Brentani e via Torricelli, è statisticamente a rischio per la sicurezza pedonale. In particolare emerge che in città vi sono 5 zone, tutte presso dei passaggi pedonali senza semaforo, in cui, tra il 2014 e il 2018, si è registrata una concentrazione d'incidenti che hanno coinvolto dei pedoni:

  1. Molino Nuovo, Via Trevano, altezza Cimitero (5 incidenti)
  2. Molino Nuovo, Via Trevano, altezza piazzetta della Gerra (4 incidenti)
  3. Besso, Piazzale di Besso, lato Via Sorengo (2 incidenti)
  4. Viganello, Via la Santa, vicino all’intersezione con Via al Lido (3 incidenti)
  5. Pregassona, Via alla Bozzoreda, vicino all’intersezione con Via Giovanni Maraini (3 incidenti)

Durante il pomeriggio di tre giorni feriali, per un’ora, sono stati osservati i comportamenti degli utenti della strada presso tre passaggi pedonali. Sono stati contati gli attraversamenti della carreggiata e le infrazioni ad essi correlate. Si tratta dei passaggi pedonali di:

  • Molino Nuovo, Via Trevano, altezza piazzetta della Gerra (segnalato quale sensibile dalla statistica)
  • Besso, Piazzale di Besso, lato Via Sorengo (idem)
  • Centro, Riva Giocondo Albertolli, fronte Rivetta Tell (di solito particolarmente trafficato).

Riguardo all'attraversamento della carreggiata, presso i tre passaggi pedonali, in un’ora sono stati contati complessivamente 607 utenti che hanno attraversato la strada. Tra questi, 34 (circa il 6%) hanno attraversato la carreggiata contravvenendo una norma della circolazione stradale (in Centro il 10%). In particolare, 25 pedoni hanno omesso l'uso di un passaggio pedonale distante meno di 50 m (ossia hanno attraversato la strada al di fuori del vicino passaggio pedonale) e in un caso (a Molino Nuovo) il pedone ha messo in pericolo la sicurezza della circolazione stradale, rischiando di essere investito; 9 utenti hanno invece attraversato la carreggiata sul passaggio pedonale, ma circolando illecitamente con la bicicletta o con il monopattino elettrico (da notare, poi, che tutti circolavano illecitamente anche sui marciapiedi, e un ciclista, per un breve tratto, pure contromano sulla Via Trevano). Sebbene la maggioranza dei pedoni abbia utilizzato i passaggi pedonali, si è constatato che sono in molti a non adottare la necessaria prudenza nell'attraversare la strada (es.: non si fermavano per guardare l'arrivo dei veicoli).

Riguardo ai doveri verso i pedoni presso i passaggi pedonali, i conducenti di veicoli che non hanno osservato l'obbligo di dare la precedenza ai pedoni sui passaggi pedonali sono stati complessivamente 3. Nonostante il forte movimento di veicoli, si è constatato che generalmente i conducenti si fermano per dare la precedenza ai pedoni che vogliono transitare sul passaggio pedonale. I grafici seguenti riassumono la situazione (Fig. 3 e 4):

Fig.3

Fig.4

La campagna di prevenzione

Sulla scorta della situazione constatata e in previsione del picco statistico di novembre, la Polizia della Città di Lugano, anche con la collaborazione materiale del TCS, lancia una campagna di prevenzione degli incidenti ai danni dei pedoni denominata “PEDONE SICURO”. L’iniziativa si rivolge principalmente ai pedoni, con lo scopo di aumentare la loro prudenza nell'attraversare la strada e, secondariamente, ai conducenti, con l’intento di aumentare la loro attenzione ai passaggi pedonali e ai pedoni in genere. Saranno quindi fornite delle informazioni per fugare eventuali dubbi riguardo alle norme della circolazione che disciplinano i doveri dei conducenti e dei pedoni quando quest’ultimi intendono attraversare la carreggiata, in particolare sui passaggi pedonali.

Quando, come e dove si terrà la campagna?

La campagna si terrà dal 22 ottobre al 31 ottobre 2019. In concreto, gli agenti della polizia cittadina, durante gli orari diurni, allestiranno dei posti di controllo di circa un'ora, a rotazione e in prossimità dei passaggi pedonali più sensibili e ricordati di Molino Nuovo, Besso, Viganello e Pregassona, come pure in Centro, in Riva Giocondo Albertolli, fronte Rivetta Tell, per un totale di 6 aree di attraversamento. In questi frangenti i funzionari osserveranno principalmente il comportamento dei pedoni, ma anche dei conducenti ed interverranno nel caso di comportamenti inadeguati e/o infrazioni constatati. Per l’occasione, ai pedoni sarà proposto un breve quiz di quattro domande, per misurare il livello di conoscenza riguardo alle regole e alla prudenza nell'attraversare la carreggiata, mentre ai conducenti che saranno fermati per l'inosservanza della precedenza ai pedoni sarà consegnato un estratto dall'opuscolo del TCS “La precedenza ed io” e saranno sensibilizzati riguardo ai doveri di prudenza verso i pedoni.
Da notare comunque che l’azione ha sostanzialmente un carattere informativo ed educativo, ma le eventuali infrazioni degne di nota potranno essere sanzionate.

Regole della circolazione presso i passaggi pedonali e consigli

Per i pedoni:

  1. Il pedone che attraversa la strada su un passaggio pedonale, e che non vi accede all'improvviso, gode della precedenza rispetto al traffico veicolare. Tuttavia il pedone:
    1. non ha il diritto di attraversare la strada se il veicolo è già così vicino da non potersi più fermare per tempo (la distanza dal passaggio pedonale non è definita, ma il veicolo che si avvicina deve potersi fermare per tempo, senza essere costretto a fare frenate o sterzate brusche);
    2. non ha la precedenza rispetto alle tranvie; i tram hanno la precedenza anche sui passaggi pedonali;
    3. deve mostrare visibilmente la sua intenzione di attraversare, fermandosi prima dell'attraversamento e guardando in direzione dell'automobilista (fare segno con la mano non è obbligatorio ma è consentito).
  2. I pedoni devono usare il passaggio pedonale se questo dista meno di 50 m dal punto di attraversamento desiderato (regola dei 50 m).
  3. Dove il passaggio pedonale è suddiviso da un’isola spartitraffico, ciascuna parte è considerata come un passaggio pedonale indipendente. Di conseguenza il pedone, una volta raggiunta l’isola pedonale, deve di nuovo accertarsi che le sue condizioni di precedenza siano soddisfatte anche per la successiva parte dell’attraversamento. In concreto, è obbligatorio fermarsi sull’isola al centro della carreggiata per controllare i veicoli che provengono dalla destra.
  4. Fuori dai passaggi pedonali i pedoni devono dare la precedenza ai veicoli.
  5. Nelle zone 20 o a traffico rallentato i pedoni hanno la precedenza, purché non intralcino inutilmente il traffico.
  6. Nelle zone 30 i pedoni hanno la precedenza solo sugli attraversamenti a loro riservati.

Consigli:

  1. Non perdere mai la visione d'insieme e osserva gli altri utenti della strada.
  2. Ricordati che avere la precedenza non significa necessariamente essere al sicuro. Il diritto di precedenza non è mai assoluto. Per frenare un veicolo occorre uno spazio minimo, che si tende a sottovalutare. A 50 km/h, lo spazio di fermata di un autoveicolo è di 40 metri (vedi link d'approfondimento ACS - "Reagire + Frenare = Spazio di fermata").
  3. Prima di attraversare fai un segno chiaro con la mano e cerca il contatto visivo con l’automobilista in avvicinamento.
  4. Prima di attraversare la strada, accertati che il veicolo che si sta avvicinando sia in grado di frenare per tempo. Non attraversare la strada se i veicoli sono tanto vicini da non potersi più fermare.I numerosi incidenti sulla seconda metà della carreggiata mostrano quanto sia sottovalutato il pericolo proveniente da destra. Guarda a destra a metà della strada! Solo così vedrai se c’è un’altra auto che arriva all’improvviso.
  5. Immettiti sulle strisce pedonali soltanto quando il/i veicolo/i è/sono fermo/i.
  6. Non giocare con il telefonino e non portare gli auricolari. La distrazione è la causa principale di incidenti! Tenere gli occhi sempre puntati sul traffico.
  7. Non attraversare mai nelle immediate vicinanze di bus, tram o altri ostacoli.
  8. Utilizza un passaggio pedonale se si trova a meno di 50 metri di distanza.

Per i conducenti:

  1. Il conducente ha dei doveri verso i pedoni. Deve agevolare ai pedoni l’attraversamento della carreggiata e, avvicinandosi ai passaggi pedonali, deve circolare con particolare prudenza e, se necessario, fermarsi, dando la precedenza ai pedoni che vi transitano o che stanno accedendovi. In concreto, i pedoni hanno la precedenza non solo se sono già sul passaggio pedonale, ma anche se sono ancora sul marciapiede e mostrano visibilmente la loro intenzione di attraversare la strada. I conducenti devono quindi ridurre per tempo la velocità.
  2. Sulle strade senza passaggi pedonali, il conducente che circola in colonna deve, se necessario, fermarsi, qualora i pedoni o gli utenti di mezzi simili a veicoli aspettino di attraversare la carreggiata.

Consigli:

  1. Riduci la velocità in prossimità dei passaggi pedonali e tieniti pronto a frenare. Presta particolare attenzione di notte, poiché i pedoni non sempre sono visibili da lontano.
  2. Stabilisci un contatto visivo con i pedoni.
  3. Fermati subito quando vedi che una persona si appresta ad attraversare il passaggio pedonale.
  4. Immobilizza il tuo veicolo soprattutto se vedi dei bambini, delle persone anziane o handicappate. I bambini imparano ad attraversare solo quando i veicoli sono fermi.
  5. Non sorpassare i veicoli lenti o i bus vicino ad un passaggio pedonale, poiché davanti a questi veicoli possono esserci dei pedoni.
  6. Presta attenzione ai comportamenti inattesi dei pedoni (distrazione, percezione limitata, ecc.).

Link d'approfondimento:

Ultima modifica 25 ottobre 2019