• Stampa
  • a a a
  • Torna alla lista

Nuovo impianto di teleriscaldamento per l’Ospedale Italiano

L’impianto, con centrale a cogenerazione, è stato realizzato dalle AIL SA in collaborazione con l’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC)

Dopo il primo impianto di teleriscaldamento a Viganello (2013) e quello di inizio dell’anno in zona Rione Madonnetta, le AIL SA inaugurano un nuovo impianto basato sulla cogenerazione e realizzato in collaborazione con l’Ente Ospedaliero Cantonale.

La cogenerazione è un sistema che permette, utilizzando il gas naturale, di produrre contemporaneamente energia elettrica e calore per il riscaldamento e la produzione di acqua calda. Si tratta di un impianto con un alto grado di efficienza, che permette di consumare il 35% in meno di combustibile rispetto alla produzione separata di elettricità e calore, dunque anche con una minore emissione di CO2.

La centrale termica, interamente controllata da un sistema di telegestione che permette un monitoraggio 24 ore su 24, sarà in grado di produrre 750mila kWh di elettricità all’anno, l’equivalente necessario a coprire il fabbisogno di circa 165 economie domestiche. Il calore prodotto sarà di circa 1,7 milioni di kWh all’anno.

Il nuovo impianto non sarà solo in grado di coprire i fabbisogni dell’Ospedale Italiano, ma è già predisposto per ampliare la rete di teleriscaldamento agli stabili della zona.

Ultima modifica 27 ottobre 2016

Google Maps