• Stampa
  • a a a
  • Torna alla lista

Lancio del sondaggio sulla soddisfazione dei pedoni

Quanto le nostre città sono a misura di pedone?

Il progetto «VAIsano - confronto tra le città svizzere» avviato da Straffico (actif-trafiC/umverkehR), Mobilità pedonale svizzera e dalla Scuola universitaria professionale di Rapperswil mira ad aumentare l'importanza attribuita alla mobilità pedonale. I pedoni devono essere resi più visibili come attori della mobilità e la loro situazione deve essere analizzata con criteri oggettivi e quantificati. Per la prima volta, un'indagine ha registrato in maniera sistematica la valutazione della percorribilità a piedi (ciò che definiamo pedonabilità) della popolazione.

>˃ avviare il sondaggio cliccando su www.umverkehr.ch/sondaggio

Il progetto «VAIsano - confronto tra le città svizzere» permette per la prima volta di confrontare la pedonabilità in 16 città delle tre regioni linguistiche. Si tratta di Aarau, Basilea, Bellinzona, Berna, Bienna, Coira, Ginevra, Losanna, Locarno, Lugano, Lucerna, Neuchâtel, San Gallo, Winterthur, Zugo e Zurigo, città che saranno analizzate nel dettaglio.

 

Un monitoraggio per rendere la passeggiata più attraente

La specificità di questo progetto è dovuta dalla valutazione olistica della pedonabilità sotto vari punti di vista. Entro l'estate 2020, saranno identificati gli indicatori di pedonabilità utilizzando tre progetti parziali. Sebbene esistano già diverse indagini, statistiche e confronti sulla mobilità, spesso mancano ancora le informazioni sulla mobilità pedonale. Inoltre, le norme e le disposizioni giuridiche non sono - di gran lunga - applicate ovunque. L'importanza della mobilità pedonale tende ad essere sottovalutata, anche se una parte significativa delle tappe di spostamento viene effettuata a piedi (43% secondo il Micro-censimento Mobilità e spostamenti 2015, UST). In media, un/a abitante in Svizzera percorre circa 30 minuti a piedi al giorno, ai quali si aggiungono i tempi di attesa e di soggiorno dello stesso ordine di grandezza. In altre parole, ci troviamo nello spazio pubblico (stradale) per quasi un'ora al giorno.

 

Le esperienze vissute dai pedoni sono preziose

Il sondaggio online è rivolto a tutte le persone che si spostano regolarmente a piedi (anche su brevi distanze) in una di queste 16 città. Le loro impressioni ed esperienze personali permettono di identificare sistematicamente i punti di forza e di debolezza delle infrastrutture per la mobilità pedonale, in modo da poter adottare in futuro delle misure di miglioramento mirate. Una maggiore attrattività dovrebbe portare ad un aumento della mobilità pedonale. Il progetto crea quindi un valore aggiunto per la salute pubblica, per quella degli individui e per l'ambiente.

 

Sano a piedi

La mobilità pedonale rappresenta un immenso potenziale per la promozione della salute. Conviene quindi includere la camminata nella routine quotidiana per trarne il massimo profitto. L'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE) considera la mobilità pedonale come la più benefica modalità di spostamento: 893 milioni di franchi risparmiati all'anno. Le persone che camminano o vanno in bicicletta regolarmente nel loro quotidiano hanno una vita più attraente e sono in media meno spesso malate.

 

«VAIsano - confronto tra le città svizzere» 2018-2020

La specificità di questo progetto è che la situazione dei pedoni viene esaminata in modo olistico sotto diversi punti di vista. I tre progetti parziali del gruppo di progetto costituito da Straffico, da Mobilità pedonale e dalla Scuola universitaria professionale di Rapperswil (HSR) analizzano la situazione dei pedoni in 16 città svizzere sotto tre punti di vista:

  • la soddisfazione della popolazione riguardo le infrastrutture pedonali attraverso un questionario online (sotto la responsabilità di Straffico);
     
  • l'indagine in loco della qualità delle infrastrutture pedonali su alcuni tratti, utilizzando un'applicazione sviluppata appositamente a tale scopo (sotto la responsabilità dell'HSR e di Straffico);
     
  • una serie di indicatori per valutare le risorse esistenti e l'impegno delle autorità politiche e dell’amministrazione comunale per la promozione della mobilità pedonale attraverso interviste con le/gli esperte/i (sotto la responsabilità di Mobilità pedonale svizzera).

Il progetto è sostenuto dall’Ufficio di coordinamento per la mobilità sostenibile della Confederazione (programma SvizzeraEnergia), dalla Fondazione Corymbo, Lotteria del Cantone di Berna, cantone Ticino e dalle città partner di Aarau, Basilea, Bellinzona, Berna, Bienna, Coira, Ginevra, Losanna, Locarno e Lugano. Lucerna, Neuchâtel, San Gallo, Winterthur, Zugo e Zurigo.

Ultima modifica 03 aprile 2019

Contatti