Concorso di progetto in due fasi con procedura libera, secondo il CIAP, il RLCPubb/CIAP e il Regolamento dei concorsi d'architettura e d'ingegneria SIA 142.

Introduzione

L'obiettivo del concorso d'architettura in due fasi è quello di individuare un progetto in grado di ristrutturare, recuperare e destinare l'ex Macello a un nuovo scopo. Trasformare l'area in uno spazio vivo, vivace, aperto e permeabile, fortemente luganese ma di respiro internazionale, in cui tempo libero e cultura si intreccino costantemente. L'ex Macello vuole essere un luogo creativo e ricreativo rivolto ai giovani e a tutte le fasce di età della popolazione, perché nessuno vi si senta fuori posto. Per questo, lo spazio sarà caratterizzato da una forte interdisciplinarità delle attività promosse, cosicché si presenti come uno spazio aggregativo in cui andare in qualsiasi momento, per creare, partecipare, conoscere, condividere o anche solo per trascorrere un momento piacevole.

L'ex Macello sarà uno spazio del Comune aperto a tutta la città, ai visitatori e ai turisti, destinato alla cultura e all'aggregazione, i cui inquilini saranno sia fruitori che produttori di contenuti culturali, performativi, artistici e multidisciplinari, incentrati sulla partecipazione attiva.

Uno spazio dove realtà diverse per attività, storia, esperienza, si contaminino e crescano insieme, per periodi più o meno brevi. Dove aggregazione e intrattenimento siano favoriti, in modo da incentivare la frequentazione anche da parte del pubblico, annullando le barriere tra il produttore e il fruitore del contenuto.

Il progetto di riconversione dell'ex Macello di Lugano mira a valorizzare le riconosciute qualità architettoniche degli edifici esistenti, attribuendo ai volumi nuove funzioni in grado di poter dialogare con gli articolati spazi esterni e con la Città. L'obiettivo finale è quello di riconsegnare alla Città di Lugano un'area pregiata ad alto contenuto sociale e aggregativo, in grado di contribuire al nuovo disegno urbano incentrato attorno e lungo il fiume Cassarate.

Spazi flessibili che si possano adattare a contenuti diversi, ristrutturati in maniera da lasciar trasparire chiaramente la vocazione “industriale” del luogo e le sue funzioni del passato.

I contenuti dell'ex Macello si basano quindi su tre assunti principali: valorizzazione, creatività, condivisione, per favorire e sollecitare la spinta di quella “cultura dal basso” che, oggi, a Lugano non ha una propria sede. L'intento è quello di colmare un rilevante vuoto funzionale che, in una Città che si consideri all'avanguardia, non è più accettabile.

L'ex Macello, quindi, sarà caratterizzato da aree funzionali diverse ma permeabili, che si mescolino l'una con l'altra, soddisfacendo anche una serie di necessità più volte espresse dalla popolazione:

  • spazi per manifestazioni ed eventi multidisciplinari;
  • spazi di coworking e costudying;
  • alloggi per studenti e turismo sociale;
  • una proposta di ristorazione moderna e allettante;
  • uno spazio esterno piacevole e rilassante.

Obbiettivi dell'Ente Banditore

  • recuperare e valorizzare l'area dell'ex Macello in maniera ottimale dal punto di vista architettonico e strutturale, con un accento particolare sulla conservazione del bene culturale;
  • ripensare gli aspetti funzionali mettendo gli spazi a disposizione di un più vasto pubblico così da creare sinergie fra i fruitori e posizionare l'area dell'ex Macello nella rete delle attività culturali e sociali della Città, in modo particolare quelle rivolte ai giovani.
  • costruire una residenza Universitaria: per studenti, professori in visita e altre figure legate al mondo accademico. Questa diventerà un importante elemento di sinergia e vitalità per tutta l'area.

La scelta della giuria

L'Ente Banditore ringrazia tutti i concorrenti per i preziosi contributi e l'impegno dimostrato durante tutto il processo concorsuale. La grande varietà di proposte ricevute ha permesso di analizzare un gran numero di soluzioni e di poter verificare in maniera approfondita e seria i differenti approcci possibili.

L'Ente Banditore è consapevole della difficoltà del compito richiesto e della complessità del tema posto che esigeva risposte precise su molti livelli diversi: dall'inserimento urbano, alla ricerca sulla tipologia abitativa, al restauro del monumento.

La procedura di messa a concorso adottata, concorso di progetto con procedura libera in 2 fasi, si è dimostrata la forma di messa a concorso più idonea per questo compito e ha portato a un risultato finale pienamente soddisfacente.

Presidente: Cristina Zanini Barzaghi Municipale di Lugano
  In rappresentanza dell'Ente banditore Capo dicastero Immobili
    Ing. civile Dipl. ETH SIA OTIA
 
Membri: Gino Boila Dicastero Immobili della Città di Lugano
  In rappresentanza dell'Ente banditore Arch. Dipl. ETH SIA OTIA
 
  Boas Erez Università della Svizzera Italiana
    Rettore
 
  Ruggero Tropeano Arch. Dipl. ETH SIA FAS
 
  Martin Boesch Arch. Dipl. ETH SIA FAS
 
  Céline Guibat Arch. Dipl. EPF SIA
 
Supplenti: Arch. Lisa Muscionico Dicastero Immobili della Città di Lugano
  In rappresentanza dell'Ente banditore  
 
  Ludovica Molo Arch. Dipl. ETH SIA FAS
 
Consulenti: Claudio Chiapparino Divisione Eventi e Congressi della Città di Lugano
 
  Ing. Andrea Roscetti Fisico della costruzione
 
  Arch. Christian Bettosini Divisione Spazi Urbani - Verde pubblico

I progetti selezionati per la fase 2

Progetto n° 74: CAMPUS MATRIX

1° rango
Autore/i:
Durisch + Nolli Architetti, Massagno (CH)

79_Render_Campus-Matrix.jpg

Collaboratori:

  • Arch. Francesco Nozzi
  • Arch. Francesco Parisi
  • Arch. Daniel Brigginshaw
  • Arch. Niccolò Nessi
  • Arch. Giulia lari
  • Arch. Marco Coppola
  • Arch. Giona Lunghi
     

Specialisti team di progettazione:

  • Ing. Civile: Ingeni AG
  • Ing. RVCS: IFEC Ingegneria SA
  • Ing. Elettrotecnico: IFEC Ingegneria SA
  • Fisico della Costruzione: IFEC Ingegneria SA
  • Specialista del Fuoco: IFEC Ingegneria SA
  • Arch. Paesaggista: Westpol Landschaftsarchitekten GmbH

2° rango
Autore/i:
Pessina Architetti, Lugano (CH)

50_Render_Le-citt--sottili.jpg

Collaboratori:

  • Arch. Luca Pessina
  • Arch. Denisa Balaj
     

Specialisti team di progettazione:

  • Ing. Civile: Schnetzer Puskas Ingenieure AG
  • Ing. RVCS: VRT SA
  • Ing. Elettrotecnico: Evolve SA
  • Fisico della Costruzione: Evolve SA
  • Specialista del Fuoco: Swiss Safety Center SA
  • Arch. Paesaggista: Ghiggi paesaggi Landschaft & Städtebau GmbH

3° rango
Autore/i:
Roberto Briccola, Montemurro Aguiar Architetti, Giubiasco (CH) e Mendrisio (CH)

12_Render_suitetti.jpg

Specialisti team di progettazione:

  • Ing. Civile: Messi Associati SA
  • Ing. RVCS: Moggio Engineering SA
  • Ing. Elettrotecnico: Elettroconsulenze Solcà SA
  • Fisico della Costruzione: Think Exergy SA
  • Specialista del Fuoco: Elettroconsulenze Solcà SA
  • Arch. Paesaggista: Officina del Paesaggio

4° rango
Autore/i:
Schwarzburg Architekten, Nicolas Burckhardt Architekten, Basilea (CH)

22_Render_La-Ringhiera.jpg

Collaboratori:

  • Arch. Jörg Schwarzburg
  • Arch. Nicolas Burckhardt
  • Arch. Lucie Alioth
  • Arch. Laura Büchi
  • Arch. Laura Ottaviani
  • Arch. Pascal Grumbacher

Specialisti team di progettazione:

  • Ing. Civile: Ferrari Gartmann AG
  • Ing. RVCS: Marco De Carli Studio di Ingegneria SA
  • Ing. Elettrotecnico: C&C Electric SA
  • Fisico della Costruzione: Gartenmann Engineering AG
  • Specialista del Fuoco: Tea engineering Sagl
  • Arch. Paesaggista: Antón Landschaft GmbH

5° rango (ex aequo)
Autore/i:
Elisa Valero Ramos, Granada (Spagna)

27_Render_IL-TAGLIO-PRECISO.jpg

Collaboratori:

  • Arch. Juana Sánchez
  • Arch. Diego Jiménez

Specialisti team di progettazione:

  • Ing. Civile: Anastasi&Partners SA
  • Ing. RVCS: Ing. Piero Simonin
  • Ing. Elettrotecnico: SPED - Studio Progett. Elettr. De Lorenzi SA
  • Fisico della Costruzione: Cispi Sagl
  • Specialista del Fuoco: Cispi Sagl

5° rango (ex aequo)
Autore/i:
Vaillo-Irigaray Y Asociados, Eberli Architetti, Navarra (Spagna), Ponte Capriasca (CH)

29_Render_A-PRI.jpg

Collaboratori:

  • Arch. Antonio Vaillo Daniel
  • Arch. Juan Luis Iragaray Duarte
  • Arch. Christian Eberli

Specialisti team di progettazione:

  • Ing. Civile: Studio Ing. Lepori SA
  • Ing. RVCS: Studio Ing. Zocchetti SA
  • Ing. Elettrotecnico: Elettronorma SA
  • Fisico della Costruzione: EcoControl SA
  • Specialista del Fuoco: Ing. Fabio Della Casa

6° rango (ex aequo)
Autore/i:
Arch. Mauro Malaisia, Muralto (CH)

43_Render_RIGIBILE.jpg

Specialisti team di progettazione:

  • Ing. Civile: Ing. Mario Monotti
  • Ing. RVCS: Verzeri & Asmus Sagl
  • Ing. Elettrotecnico: Erisel SA
  • Fisico della Costruzione: Erisel SA
  • Specialista del Fuoco: Erisel SA

6° rango (ex aequo)
Autore/i:
Ortalli Verrier Studio di Architettura, Canzo (Italia)

56_Render_VIS-A-VIS.jpg

Collaboratori:

  • Arch. Lorenzo Campagna
  • Arch. Filippo Gismondi
  • Arch. Mattia Agates
  • Arch. Alessandro Loda

Specialisti team di progettazione:

  • Ing. Civile: Passera & Associati SA
  • Ing. RVCS: Silvano Pozzi SA
  • Ing. Elettrotecnico: Piona Engineering SA
  • Fisico della Costruzione: CSD Ingegneri SA
  • Specialista del Fuoco: Ing. Claudia Sulmoni
  • Arch. Paesaggista: De Molfetta & Strode

6° rango (ex aequo)
Autore/i:
Sánchez García Architetti, Salorino (CH)

64_Render_UN-EDIFICIO-COME-UNA-CITTA.jpg

Specialisti team di progettazione:

  • Ing. Civile: Lurati Muttoni Partner SA
  • Ing. RVCS: TecnoProgetti SA
  • Ing. Elettrotecnico: TecnoProgetti SA
  • Fisico della Costruzione: TecnoProgetti SA
  • Specialista del Fuoco: TecnoProgetti SA

Le proposte delle prima fase

Durante la prima fase sono state presentate complessivamente 82 proposte progettuali, di cui 9 sono state selezionate per l’elaborazione di seconda fase. È possibile scaricare ciascuna delle tavole di progetto presentate da tutti i concorrenti.

Consulta le proposte della prima fase

A causa della situazione sanitaria legata alla pandemia, in deroga a quanto previsto al § 2.14 del concorso, l'esposizione dei progetti al pubblico non potrà essere effettuata secondo le usuali modalità e si è dunque optato per un'esposizione online per permettere a tutti i concorrenti, in particolare esteri, di poter prendere visione di tutti i progetti.

I prossimi passi

I prossimi passi saranno l'affinamento delle modalità realizzative e la richiesta di un credito di progettazione.

Contatti

Città di Lugano
Edilizia pubblica

Via della Posta 8
6900 Lugano
t. +41 58 866 77 11
immobili@lugano.ch