• Stampa
  • a a a

Recarsi a scuola senz'auto

A settembre, ogni anno, riprende la scuola. L’Associazione traffico e ambiente (ATA) consiglia ai genitori di insegnare ai loro figli di fare a piedi il percorso fra casa e scuola. Solo così possono imparare a muoversi sicuri nel traffico. 

Il percorso casa-scuola diventa sempre più una sfida: il traffico motorizzato aumenta costantemente. Inoltre, la tendenza alla concentrazione delle sedi scolastiche - con abbandono di quelle periferiche meno frequentate - allunga il percorso casa-scuola.

È quindi comprensibile che i genitori, preoccupati per la sicurezza dei loro figli, pensino di proteggerli portandoli a scuola con l'automobile. Ma in questo modo non fanno un favore ai propri figli: in auto i bambini non acquisiscono quelle competenze (necessarie anche nel tempo libero) che permettono loro di muoversi nel traffico.

Per i bambini il percorso casa-scuola è una tappa importante dell'acquisizione di una maggior indipendenza. Il tragitto verso la scuola è anche importante per il loro sviluppo sociale: i bambini imparano a comportarsi in modo adeguato con gli adulti e a risolvere i conflitti coi coetanei. Inoltre, le manovre dei genitori-taxi davanti alle scuole finiscono per mettere in pericolo altri bambini.

In una prima fase i genitori dovrebbero accompagnare i loro figli a scuola a piedi. Un'altra soluzione è il «pedibus», già sperimentato da anni con successo anche in Ticino. I bambini si recano a scuola a piedi in gruppi, accompagnati da un adulto. Il "pedibus" segue tracciati fissi e ha un orario. I bambini possono aggregarsi al gruppo alle apposite fermate (www.pedibus.ch). Se il percorso casa-scuola presenta difficoltà o pericoli eccessivi, è bene rivolgersi al proprio Comune. Spetta ai Comuni assicurare percorsi casa-scuola sicuri, per esempio adottando piani di mobilità scolastica.

 

CONSIGLI

  1. Scegliete il percorso più sicuro e non quello più breve
     
  2. Fate diverse volte il percorso col vostro bambino già prima dell'inizio delle scuole
     
  3. Discutete col bambino le situazioni pericolose che possono presentarsi, in modo che possa riconoscerle
     
  4. Se le condizioni del traffico non permettono che il bambino vada da solo, accompagnatelo a piedi fino alla scuola. Col tempo imparerà a fare il tragitto da solo
     
  5. Vestite il bambino con abiti ben visibili (vestiti chiari e materiali catarifrangenti)
     
  6. Fate in modo che il bambino abbia abbastanza tempo per il percorso casa-scuola e non debba affrettarsi perché in ritardo
     
  7. Insegnate al bambino che non deve fidarsi di adulti sconosciuti e seguirli
     
  8. È meglio se il bambino può andare a scuola insieme ai compagni
     
  9. In caso di difficoltà, è bene se il bambino ha punti di riferimento, rispettivamente persone a cui rivolgersi lungo il percorso (per esempio la cassiera del negozio di paese, una casa dove il bambino può eventualmente chiedere aiuto)
     
  10. Skateboard, pattini a rotelle inline e attrezzi simili non sono adatti per il percorso casa-scuola
Ultima modifica 15 novembre 2017

Contatti

  • Associazione Traffico e Ambiente (ATA)
  • Werner Herger, segretario ATA per la Svizzera italiana
  • P. Indipendenza 6
  • Casella postale 1084
  • 6501 Bellinzona
  • telefono: +41 91 826 40 88
  • fax: +41 91 826 40 28
  • email: werner.herger@ata.ch
  • Web: www.ata.ch