• Stampa
  • a a a

Sicurezza sul lavoro nei boschi privati

Ogni anno, durante i lavori con la motosega e la raccolta del legname accadono numerosi incidenti, alcuni dei quali mortali. Il più delle volte la causa va ricercata nella scarsa competenza e formazione professionale. In questo contesto la Divisione Foreste dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), il Settore forestale dell'Istituto nazionale svizzero contro gli infortuni (SUVA), l'Economia forestale svizzera (EFS) e il Servizio per la prevenzione degli infortuni nell'agricoltura (SPIA) hanno lanciato la campagna comune Sicurezza sul lavoro nei boschi privati, sempre attuale.

 

OBIETTIVI

Tramite corsi di formazione e di aggiornamento si intende ridurre gli infortuni di persone che svolgono lavori con la motosega o di esbosco e che non dispongono di una formazione professionale specifica.

 

DESTINATARI

Agricoltori, proprietari fondiari o coltivatori diretti (boscaioli dilettanti) che svolgono lavori con la motosega o effettuano la raccolta del legname senza una specifica formazione forestale;
persone che preparano la legna da ardere nel bosco e si occupano dello sgombero di quella tagliata (ad esempio la protezione civile, l'esercito) oppure gestiscono il bosco per conto di terzi;
persone che lavorano con la motosega per motivi professionali o nel tempo libero, in particolare per lavori di costruzione, orticoltura e giardinaggio, manutenzione o demolizione.

 

MAGGIORI INFORMAZIONI

Per informazioni e consulenza potete rivolgervi al Settore legna e servizi della SUVA (telefono + 41 41 419 62 42) o altri partner della campagna.

Ultima modifica 15 novembre 2017

Google Maps