• Stampa
  • a a a

Giardinaggio con prudenza

Per molti il giardinaggio è un piacevole passatempo che permette di compensare lo stress da lavoro. Purtroppo però questa attività creativa e nel contempo fisica causa ogni anno 45'000 infortuni.

Imperizia, attrezzature inadeguate, negligenza, mancanza di tempo o stanchezza sono i motivi per cui molte persone si infortunano, a volte gravemente, lavorando in giardino. Le cadute da scale a pioli sono quelle con le conseguenze più gravi, che in alcuni casi si rivelano letali.

 

ELIMINARE LE FONTI DI PERICOLO

  • Per il taglio di alberi e arbusti, utilizzare una scala a pioli stabile, possibilmente fissata a un ramo. Gli alberi e gli arbusti bassi possono essere tagliati dal suolo con una cesoia o una sega a manico lungo. Per questi lavori è imperativo l'uso di occhiali protettivi
     
  • Si raccomanda l’uso di scarpe solide e di guanti. Chi taglia il prato a piedi nudi dà prova di negligenza
     
  • Oltre a essere ecologicamente interessanti, i prodotti biologici riducono il rischio di intossicazioni e causticazioni
     
  • Rispettare in ogni caso le indicazioni di sicurezza dei prodotti causticanti, che vanno utilizzati soltanto con guanti, mascherina e occhiali protettivi
     
  • Gli utensili elettrici quali tosaerba, tagliasiepi, biotrituratori o seghe elettriche agevolano il lavoro. È però essenziale usarli in conformità alle istruzioni. Se si inceppano, togliere la spina prima di tentare di individuare il problema. Gli apparecchi difettosi devono essere aggiustati da specialisti
     
  • Le prese degli apparecchi usati all’esterno devono essere dotate di un interruttore differenziale FI conforme alle norme di Electrosuisse. Ciò vale in particolare negli ambienti bagnati

È richiesta particolare prudenza quando i bambini hanno accesso al giardino: assicurarsi sempre che utensili, macchine o rami non mettano a repentaglio la loro sicurezza. Le sostanze pericolose devono essere conservate fuori dalla loro portata. Si consiglia inoltre di rinunciare alle piante velenose, in particolare ai cespugli con bacche, visto che i bambini piccoli non sanno distinguere i frutti velenosi  da quelli che non lo sono. I bidoni per l’acqua piovana e gli stagni vanno evitati.

Ultima modifica 15 novembre 2017

Google Maps