• Stampa
  • a a a
  • Torna alla lista

A Lugano la presentazione della Guida Michelin Svizzera 2020 e dei suoi nuovi chef stellati

Per la prima volta la Svizzera italiana ospiterà l’importante evento firmato Guida Michelin. Al LAC di Lugano sarà celebrata l’alta gastronomia elvetica, alla presenza delle più importanti personalità del settore.

Lunedì 24 febbraio Lugano sarà la capitale svizzera dell’enogastronomia, ospitando al LAC la presentazione della nuova Guida Michelin Svizzera 2020, nonché i nuovi chef che riceveranno l’ambita stella. Il “Michelin Guide Switzerland Star Revelation Gala”, alla sua seconda edizione, porterà sulle rive del Ceresio oltre 500 personalità di spicco del settore a livello svizzero e internazionale, unitamente a giornalisti del settore ed esponenti delle istituzioni.

Gwendal Poullennec, Direttore Internazionale delle Guide Michelin, spiega così la scelta di Lugano: “Con la sua posizione a ridosso delle montagne e il suo clima mite, Lugano è un territorio eccezionale per i prodotti locali. La Città e la sua regione sono un centro ideale per la gastronomia europea, nonché un luogo privilegiato per gli chef e tutti coloro che apprezzano la cucina di qualità. L’unione fra la cultura svizzera e quella italiana fa del Ticino un importante crocevia gastronomico in cui si fondono sapori e profumi irresistibili. Apprezzata meta turistica, la regione ha molto da offrire ai buongustai, tra i meravigliosi salumi e le diverse specie di pesci che abitano i suoi fiumi e laghi. Motivi che fanno di Lugano la sede ideale per la presentazione della Guida Michelin Svizzera 2020.”

Per Marco Borradori, Sindaco di Lugano, “accogliere in città la presentazione della Guida Michelin Svizzera 2020 conferma la capacità del nostro territorio non solo di preservare le tradizioni gastronomiche locali e quindi le nostre radici culturali e la nostra identità, ma anche di metterle a frutto in un’ottica di sviluppo, creatività e innovazione. La gastronomia è piacere, gusto e convivialità, ma può e deve essere anche sempre più una delle componenti dello sviluppo urbano, economico e sociale.”

Soddisfazione espressa anche da Roberto Badaracco, Capo Dicastero cultura sport ed eventi: “Da anni la Città di Lugano, la nostra regione e tutti i professionisti che vi operano, svolgono un intenso lavoro di promozione dell’enogastronomia di qualità. Prodotti, peculiarità e maestrie locali hanno saputo guadagnarsi un posto di rilievo nel settore, a livello nazionale e non solo. Essere scelti dalla Guida Michelin rappresenta il coronamento di questo grande lavoro. Un riconoscimento e un’opportunità per la Città e per la gastronomia della Svizzera italiana, abbraccio ideale tra la tradizione elvetica e quella mediterranea. Una tappa significativa di un percorso che si prospetta ancora lungo e rigoglioso.”

Anche Alessandro Stella, Direttore di Lugano Region, ha accolto la notizia con grande entusiasmo: “Siamo molto onorati che Michelin abbia scelto Lugano come città che ospiterà il secondo “Michelin Guide Switzerland Star Revelation” nel 2020. La regione del Luganese con il suo territorio e la sua tradizione è la culla ideale per la produzione di prodotti tipici e di vini d’eccezione e per la preparazione dei piatti che vengono sapientemente creati dagli Chef dei ristoranti locali, dai più tradizionali “grotti” ai ristoranti rinomati a livello internazionale. Con questo evento Lugano e il Ticino avranno l’opportunità di far conoscere le proprie eccellenze enogastronomiche, di avere una grande visibilità sia a livello nazionale che internazionale e di posizionarsi tra le principali destinazioni per gli appassionati della buona cucina e degli ottimi vini.”

Lo scorso anno 128 ristoranti elvetici sono stati premiati con 1, 2 o 3 stelle nella Guida Michelin Svizzera. Il Cheval Blanc di Basilea, il Restaurant de l’Hôtel de Ville di Crissier e lo Schloss Schauenstein di Fürstenau sono quelli che si sono potuti fregiare delle celebri 3 stelle. Sono invece sette i ristoranti di Lugano a figurare nella guida 2019, fra cui un ristorante stellato, la Galleria Arté al Lago (1 stella).

Ultima modifica 15 ottobre 2019

Google Maps