Con gli inizi degli anni '60 del secolo scorso un'importante area del territorio di Pambio-Noranco, parte di Lugano dal 2004, viene occupata dall'autostrada che divide in due il quartiere.

Non si hanno riferimenti storici né leggende che mettano in luce l'origine di Pambio e di Noranco. Sicuramente risalgono a data antica, come sembrano svelare i loro nomi. I due nuclei sono sorti in posizioni soleggiate, a ridosso della Collina d'Oro, protetti dai venti provenienti da nord.

Fino al 1888, Noranco e Pambio fanno parte con Calprino (ora Paradiso) e Pazzallo di un consorzio di quattro comuni. Quando viene sciolto, i cittadini di Pambio e di Noranco sentono il bisogno di unirsi per risolvere insieme i problemi comuni. Nel corso delle Assemblee comunali del 4 settembre 1904 viene votato il nuovo Regolamento comunale.

Luoghi di interesse

Nella chiesa parrocchiale di S. Pietro è presente, dietro l'altare maggiore, una preziosa tela di Giuseppe Antonio Petrini da Carona, raffigurante San Pietro. Nella cupola affreschi illusionistici, del 1865, di Tiziano Bernasconi di Carona e decorazioni di Giuseppe Piattini di Biogno.

Interno del nucleo di Noranco - @ Alessandro Rabaglio